ADVENTURE STUDIOS

360 VR VIDEO - Travel in the Cave Of Castellana - Stalagmites and Stalactites | VIRTUAL REALITY

ADVENTURE STUDIOS
Group 7 Created with Sketch.
1609
Views
share Created with Sketch.
Share 1
CAVES OF CASTELLANA
The Castellana Caves (Italian: Grotte di Castellana) are a karst cave system located in the municipality of Castellana Grotte, in the province of Bari, Apulia.
The caves, discovered in 1938 by the speleologist Franco Anelli,[1] are situated 1 kilometer (0.62 mi) south of Castellana and are served by the (Grotte di Castellana railway station) [2] on the FSE line Bari-Putignano-Martina-Taranto.
The entrance is represented by an enormous vertical tunnel 60 meters (200 ft) long. The main cave is named "La Grave" (as abyss),[3] and others are named Black Cavern (Caverna Nera), White Cave (Grotta Bianca) and Precipice Cavern (Caverna del Precipizio).
The Caves of Castellana open in south-eastern Murge, a limestone plateau dating back to the upper Cretaceous (ninety- one hundred million years ago) and rising 330 metres above sea level. The area of Castellana is characterized by limestone, a sedimentary rock composed largely of calcium carbonate, known as Limestone of Altamura. The cave system is 3348 metres in length and the point of maximum depth reaches 122 metres. The temperature within the caves is about 18 °C. The caves are open all year round except for Christmas Day and the New Year’s day. The visit develops along two itineraries: the first is 1 km long and lasts about 50 minutes while the second is 3 km long and lasts about two hours. The tour timetable changes depending on the season. In addition, during the summer there are also guided night tours. The Grave is the first and the biggest cave of this wonderful speleological complex and it is the only one communicating with the outside. It measures 100 m in length, 50 m in width and 60 m in depth. Going beyond the Grave stalactites, stalagmites, curtains and precious crystals continues to embellish everywhere the caves. The name of the environment are the result through the imagination of the early explorers: the She-Wolf, the Monuments, the Owl, the Little Virgin Mary, the Altar, the Precipice, the Desert Corridor, the Reverse Column, the Red Corridor, the Dome up to the last and the most dazzling one, the White Cave.

- Description of Stalagmites and Stalactites
https://en.wikipedia.org/wiki/Castellana_Caves
360 VR VIDEO - Travel in the Cave Of Castellana - Stalagmites and Stalactites | VIRTUAL REALITY

GROTTE DI CASTELLANA
Le Grotte di Castellana sono un complesso di cavità sotterranee di origine carsica di interesse speleologico e turistico, situato nel comune italiano di Castellana Grotte, in Pugla.
Annesso al complesso vi è un museo speleologico.
La storia della Grave inizia nel Cretaceo superiore (novanta-cento milioni di anni fa), quando la Puglia era sommersa da un antico mare, nel quale vivevano vaste colonie di molluschi e vegetali marini. Per milioni di anni generazioni e generazioni di queste forme di vita si erano succedute le une alle altre e, morendo, i loro gusci svuotati e le loro carcasse si erano accumulati sul fondo del mare, formando un gigantesco deposito di fango e di sabbia, che con il suo lento ma continuo accrescimento si era via via compresso, fino a formare uno strato di calcare dello spessore di diversi chilometri. A partire da sessantacinque milioni di anni fa, il progressivo innalzamento delle terre aveva portato la regione al suo aspetto attuale e nella massa calcarea emersa, a causa della sua rigidità, si erano formate estese fratture, che l'avevano fortemente incisa. L'acqua fluviale d'intense precipitazioni, percolando nel sottosuolo aveva, poi, formato un'estesa falda acquifera sotterranea, tale da disciogliere gradualmente il calcare e di allargare le fratture; queste avevano finito per unirsi le une alle altre per il crollo della roccia frapposta, formando, così, piccoli condotti, via via trasformatisi in ambienti sempre più ampi. Nei luoghi in cui le fratture s'intersecavano in gran numero (fenomeno qui più rilevante che in qualsiasi altro punto del sistema carsico castellanese) si erano determinati estesi e ripetuti crolli; questi si erano ampliati sempre più verso l'alto, riducendo via via lo spessore di roccia che separava la cavità dall'esterno, finché lo strato residuo, ormai assottigliato, non era crollato, facendo giungere all'interno della grotta il primo raggio di luce.
Le grotte di Castellana, estese per circa 3 chilometri, si aprono a 330 m s.l.m. a meno di 500 metri dall'abitato di Castellana Grotte. L'intero territorio comunale è caratterizzato da rocce calcaree composte essenzialmente da carbonato di calcio, prevalentemente del tipo calcare di Altamura.

 - Spiegazione delle Stalagmiti e Stalattiti
https://it.wikipedia.org/wiki/Grotte_di_Castellana